Ecco i dieci profili social dove raccontare cibo e vino made in Puglia

Il tacco d’Italia regala sempre forti emozioni a tavola: abbiamo selezionato alcune pagine Instagram che raccontano in modo originale e autentico una delle regioni più amate dagli italiani, specialmente d’estate. Come ogni estate la Puglia è tra le mete preferite degli italiani per programmare le vacanze. A rafforzare questo dato, una recente indagine sul turismo enogastronomico condotta da TheFork, piattaforma leader per le prenotazioni online del ristorante, che posiziona la regione più a sud est dello Stivale al secondo gradino del podio come destinazione più desiderata e desiderabile. Che si porti la Puglia nel cuore o che non la si abbia ancora esplorata, una selecta ponderata di profili “foodiani” caratteristici, community di ricette online o di stilose realtà autoctone, che conciliano l’amore per la tavola e quello per una terra ricca di fascino, storia e tradizione.

1. Masserie Pugliesi
Stando alla definizione della Treccani, il significato di masseria corrisponde a un’azienda rurale diretta da un massaio. Instagram ha contribuito al suo upgrade visivo instillando nell’immaginario collettivo quella dimensione paradisiaca che se da un lato esprime l’anima più autentica della Puglia agricola, negli ultimi anni ha sublimato l’arte della sua ospitalità. Non a caso, alcuni dei migliori ristoranti sono all’interno di questi resort in pietra leccese come Masseria Moroseta con la chef Giorgia Eugenia Gocci, lo stellato Due Camini dell’iconico Borgo Egnazia e tra gli extra-luxury anche le diverse proposte culinarie di Masseria San Domenico.

2. Puglia addosso
Focaccia, ricci, frisella con il pomodoro, orecchiette, panzerotti e pasticciotti. Non sono le voci di un menu ma alcune delle creazioni di Vittoria, artigiana pugliese che ha lanciato questo brand per celebrare la tavola regionale attraverso decorazioni dipinte a mano, colori sgargianti e ricette tradizionali da indossare, e immaginare sul palato.

3. La cucina del fuori sede
Valentina e Andrea rappresentano uno dei cliché più comuni in tema di emancipazione post liceo: due fratelli che vivevano al Sud e si sono trasferiti a Roma per intraprendere gli studi universitari, lei in comunicazione, lui in architettura. I due studenti originari di Foggia dalle rispettive abitazioni hanno iniziato a condividere le foto del proprio pasto serale prima di diventare fonte di ispirazione per altri colleghi espatriati al nord. Alle ricette più tradizionali come la focaccia barese, le braciole al sugo e le orecchiette ne alternano altre creative che c’entrano più o meno con la Puglia.

4. Gin di Puglia
“L’idea è nata per caso di ritorno da un viaggio in Salento, quando attraversando i campi della nostra bellissima Puglia, abbiamo capito che gli ingredienti per un mixing perfetto era tutti a portata di occhio”. Dietro la ricetta segreta di questo distillato imbottigliato a mano, Ettore, Pellegrino e Valentina che hanno caratterizzato il primo gin made in Puglia con una infusione di erbe botaniche e una ulteriore distillazione con olio extravergine di oliva. La bottiglia si può acquistare sul loro shop online oppure provare nella loro gintoneria a Troia, in provincia di Foggia.

5. Apulia Gluten Free
In una delle patrie del carboidrato questa pagina ha l’ambizione di essere un vero e proprio manuale di sopravvivenza per celiaci. Un fotoromanzo di bontà con specialità riprodotte in modo fedele, declinate attraverso ingredienti privi di glutine e suggerimenti sui migliori indirizzi con menu gluten free da provare.

6. Puglia Food Box
Per chi ne ha nostalgia o per chi vuole colmare vuoti gastronomici, questa piattaforma viene in soccorso con un’offerta che non potrete rifiutare (semi-cit). Il progetto è di tre giovani imprenditori under 30 che hanno deciso di condividere con il resto d’Italia il bello e il buono di questa regione in qualunque parte ci si trovi. Suddivise nei diversi momenti della giornata, anche in formato Travel, più snello e pratico, le box racchiudono la vera esperienza di cucina pugliese con tutto il necessario per realizzare le ricette più autentiche con gli ingredienti del territorio. All’interno della Breakfast Edition friselle artigianali, miele biologico di Ciliegio, confettura di uva Negroamaro e mandorle; nella Happy Hour Edition friselle, pesto, Fiaschetto semisecco, farinelli ceci e orzo e una bottiglia di Primitivo; c’è anche la Read-eat bag con birra, taralli e la lettura consigliata di “Inchiostro di Puglia” di Michele Galgano.

7. Puglia My Love
Da un’idea di Lorenzo Quagliarella nasce questo raccoglitore romantico e famelico di luoghi che lascia poco spazio all’immaginazione. Nel feed sono cristallizzati i suggerimenti degli utenti rintracciati grazie al tag e all’hashtag #puglia_mylove, immagini che sono fonte di ispirazione alternando tramonti, spiagge, pettole e bombette.

8. Cucina Pugliese
Da un amore viscerale nei confronti della propria terra, la salentina Rita apre il suo blog rivolto a pugliesi e non alla ricerca di piatti antichi, rustici e dai sapori genuini. Solo dopo il diploma all’istituto all’alberghiero ha capito la sua vocazione culinaria sfociata nel suo sito di cucina pugliese in cui condivide preparazioni gustose e sempre equilibrate, mettendo a corredo di ciascun piatto aneddoti e curiosità.

9. Puglia Food Lovers
La piattaforma nasce nel 2018 da due ragazzi pugliesi con l’obiettivo di coniugare la tradizione culinaria locale e le tendenze contemporanee. A metà tra il food porn e il gastroerotismo per gli occhi, oggi sia i canali social che il blog sono un punto di riferimento per autoctoni e turisti. La caleidoscopica rassegna prepare gli stomaci più deboli e sensibilizza gli avventori che scrollano il feed nutrendosi di un altrettanto delizioso senso di indecisione: queste involtini li chiamiamo turcineddi o gnummareddi?

10. La Brace accesa
Folkloristica, ironica, a tratti satirica, questa pagina promette di “raccontare la Puglia a modo nostro”. Video e meme che hanno reso virali personaggi del popolo come l’ormai celebre signora Rosa, pastaia tra i vicoli della Bari Vecchia che tirando a mano le orecchiette in strada è stata scelta qualche anno fa per uno spot di Dolce & Gabbana. Dopo uno stencil sul muro di un palazzo del capoluogo pugliese e diversi fotomontaggi che la ritraggono mezza lei e mezza la regina Elisabetta, le sue orecchiette sono diventate famose in tutto il mondo. Lunga vita alle orecchiette!

Gallery
Menu